Mondo

La cerimonia al Gran Palazzo del Cremlino: si insedia Putin IV

  • 02:00

Roma, (askanews) - Si è svolta al Gran Palazzo del Cremlino la cerimonia di insediamento del presidente della Russia, Vladimir Putin, eletto a marzo per il quarto mandato presidenziale con oltre il 76 per cento. Lo scenario è sempre lo stesso: il presidente eletto attraversa tre grandi sale che accolgono gli ospiti, sale sul podio e con la mano destra su una copia della Costituzione, pronuncia il giuramento.

Un ingresso meno trionfale del solito per il capo di stato, che questa volta si è fatto riprendere mentre si alzava dalla sua scrivania per andare alla fastosa cerimonia.

"La Russia sarà più forte, i russi vivranno meglio - ha affermato Putin, aggiungendo - vi assicuro che lo scopo della mia vita, del lavoro, come prima, sarà servire le persone, la nostra patria. Per me, questo viene prima di tutto".

All'uscita dall'insediamento Vladimir Zhirinovsky, leader del partito liberale russo Ldpr, ha commentato: "E' già la settima volta che presenzio all'insediamento presidenziale. No, certo che non mi sono stufato di vederla, è la migliore cerimonia che ci sia. Annoia forse zappare la terra, ma qui è una gioia".

In connessione con l'inizio del nuovo mandato di Putin, il governo russo, guidato da Dmitry Medvedev, si è dimesso. Gli attuali ministri continueranno a svolgere le loro funzioni ad interim, fino alla formazione del nuovo esecutivo che si prevede molto veloce.

Denis Manturov, ministro dell'Industria e del Commercio: "Noi siamo sempre aperti alla cooperazione. In questo senso non abbiamo limitazioni. E se qualcuno degli altri Paesi cerca invece di limitarci, noi facciamo squadra, come ha ricordato oggi il presidente russo Vladimir Putin al suo quarto insediamento presidenziale. Questo mi sembra un passaggio importante del suo intervento odierno: tante più minacce ci saranno per il nostro Paese, tanto più sarà forte il consolidamento del nostro potenziale".

Riproduzione riservata ©
loading...