Mondo

Iran, folla oceanica accoglie la salma di Soleimani a Kerman

Roma, 7 gen. (askanews) - Folla oceanica per l'arrivo della bara e il corteo funebre che precede la sepoltura di Qassem Soleimani a Kerman, in Iran, città natale del generale ucciso da un raid Usa a Baghdad.

Una marea umana, così come quella che ha partecipato alla cerimonia funebre a Teheran e nella città santa di Qom. Tra l'enorme massa di persone spuntano le bandiere rosse di chi, chiede vendetta per l'attacco. Tanti gli slogan contro gli Stati Uniti di Trump, ma anche contro Israele e la Gran Bretagna. "Se gli Usa non se ne andranno dal Medio Oriente - è uno dei messaggi più forti che trapelano da Teheran - per gli americani sarà un nuovo Vietnam". Le cerimonie concludono i tre giorni di lutto per il generale proclamati dalla Guida suprema dell'Iran, l'ayatollah Ali Khamenei.

Intanto, in risposta alla sua uccisione, il parlamento iraniano ha approvato all'unanimità una mozione che designa l'esercito americano e il Pentagono come "organizzazioni terroristiche". Le tensione è altissima. Il capo del Pentagono Mark Esper ha negato che al momento ci sia un piano per il ritiro delle truppe americane dall'Iraq ma resta l'allerta.

Riproduzione riservata ©
loading...