Mondo

In Croazia apre il primo Museo dedicato alla Cannabis

Roma, 31 mar. (askanews) - Con un biglietto d'ingresso che può essere usato per rollare e fumare, apre a Zagabria, capitale della Croazia, il primo Museo interamente dedicato alla Cannabis. Tra riti, usi medicinali, prodotti alimentari, vestiti, carburante o materiali da costruzione, si racconta la storia millenaria e i molteplici usi della canapa, con incursioni nella musica reggae e alcune pellicole cult sullo sballo.

Situato di fronte alla principale caserma di polizia di Zagabria, in un paese dove è tuttora illegale l'uso ricreativo della marjuana, quello sulla canapa è l'ultimo bizzarro "museo" spuntato in città dopo quelli dedicati alle sbornie, alle relazioni finite male e agli anni '80.

"Questa pianta è presente in tutta la storia dell'umanità in pratica in tutte le civiltà - spiega a France Presse Tvrtko Kracun, il fondatore del museo, 35 anni - ha numerosi benefici, dagli usi universali, al carburante, al tessile e anche altre cose e come è noto in ambito medico".

"L'ingresso è libero per tutti i dipendenti dei ministeri di Sanità, Agricoltura e Interno, dato che queste tre istituzioni stanno regolamentando l'uso legale della pianta".

Al Museo della Cannabis, i visitatori scoprono come la pianta fu per prima coltivata in Asia centrale circa 10.000 anni fa e poi nei secoli è diventata un importante bene culturale ed economico nel mondo.

"Credo che il contesto storico sia la parte più interessante - commenta Igor Lokotar, studente di scienze politiche, 19 anni - per esempio il fatto che i soldati di Napoleone portarono la cannabis dall'Egitto in Francia, cose che non studieremo mai a scuola e che raramente possiamo leggere".

Dalla "cannabis sativa" ad esempio si possono estrarre oli, farine, cosmetici, cibo per animali e prodotti tessili o corde. E poi c'è l'aspetto ricreativo, con tanto di avvertimenti scritti sui pericoli per la salute in caso di abuso.

(IMMAGINI FRANCE PRESSE)

Riproduzione riservata ©
loading...