Mondo

Il tribunale di Mosca conferma il carcere a Navalny

Mosca, 20 feb. (askanews) - La corte d'appello di Mosca ha confermato la condanna in carcere inflitta al principale oppositore del Cremlino, Alexei Navalny, dopo il suo rientro in Russia dalla Germania il mese scorso.

Il giudice Dmitry Balashov ha respinto il ricorso contro la sentenza del 2 febbraio 2021, che ha trasformato una pena sospesa del 2014, riguardante un caso di frode, in una pena di due anni e 8 mesi di carcere.

Navalny apparso in aula in una gabbia di vetro, deve affrontare una seconda udienza: nel pomeriggio comparirà di fronte a un altro giudice in un processo per diffamazione di un veterano della Seconda Guerra mondiale, in cui la pubblica accusa chiede che la libertà condizionata sia convertita in una pena da scontare in carcere, probabilmente in un campo di lavoro.

Pochi giorni fa la Corte europea per i diritti umani aveva chiesto la scarcerazione di Navalny, sottolineando il pericolo di vita visto anche il tentativo di avvelenamento di cui era stato vittima lo scorso anno e per cui era stato ricoverato in Germania; Mosca ha tuttavia respinto la richiesta.

(immagini France Presse)

Riproduzione riservata ©
loading...