Mondo

Giappone, per il dopo-Abe arriva candidato forte Yoshihide Suga

Tokyo, 2 set. (askanews) - In Giappone il capo dell'ufficio di gabinetto Yoshihide Suga, che è anche portavoce del governo, ha annunciato formalmente in una conferenza stampa la sua candidatura alla leadership del Partito liberaldemocratico al potere (Jiminto) e alla successione del primo ministro uscente Shinzo Abe di cui è stato potente collaboratore. Una candidatura attesa, che si pone nel segno della continuità politica ed economica del paese.

"In questa crisi nazionale, non può esserci un vuoto politico. Non c'è un momento da perdere". "Intendo continuare il lavoro di Shinzo Abe, che ha messo il suo spirito e la sua forza in questo lavoro, e mi impegno a mobilitare tutte le mie forze per andare ancora oltre", ha affermato Suga, ribadendo la sua volontà di procedere con l'Abenomics e nelle diverse politiche del governo dell'esecutivo Abe.

Il voto interno al partito per decidere la successione è stato fissato per il 14 settembre. Il corpo elettorale - a causa del coronavirus e delle subitanee dimissioni di Abe per motivi di salute - è stato ridotto ai soli parlamentari e a tre voti per ognuna delle 47 prefetture, escludendo così (non senza polemiche) gli altri quadri del partito. Una mossa che in qualche modo favorisce lo stesso Suga, la cui posizione appare forte tra le principali fazioni in cui è diviso il partito.

Riproduzione riservata ©
loading...