Mondo

Francia, scatta il rush finale per l'Eliseo, cresce Mélenchon

  • 01:47

Parigi (askanews) - In Francia, scatta ufficialmente la campagna elettorale per le presidenziali. Da lunedì 10 aprile è par condicio in vista del rush finale di una corsa all'Eliseo mai così ricca di sorprese. E il meglio verrà queste ultime due settimane che precedono il primo turno del 23 aprile.

La netta ascesa nei sondaggi del candidato della sinistra radicale Jean-Luc Mélenchon e l'alta percentuale di elettori ancora indecisi rendono massima l'incertezza su chi andrà al ballottaggio. Tanto da rendere verosimile l'ipotesi di uno scontro fra i poli estremi, Le Pen - Mélenchon.

Ormai la battaglia si svolge all'interno di un quartetto: da un lato da Marine Le Pen ed Emmanuel Macron, in testa ma con un trend in discesa; dall'altro Jean-Luc Mélenchon in ascesa fulminante e Francois Fillon stabile. E per la prima volta, secondo un sondaggio Sofres OnePoint, il candidato della sinistra radicale ha superato quello della destra gollista.

Un altro sondaggio ha verificato diversi scenari per il ballottaggio del 7 maggio: Marine Le Pen perderebbe con tutti e tre i suoi avversari. Il leader di France Insoumise Mélenchon perderebbe invece con il 47% se dovesse andare al secondo turno contro il leader di En Marche! con il 53%.

Così mentre Marine Le Pen guarda indietro e va a toccare le corde ancora ultrasensibili del regime di Vichy, negando le sue responsabilità per le deportazioni degli ebrei francesi, Jean-Luc Mélenchon guarda avanti e si prepara a scoccare un'altra delle frecce vincenti della sua campagna: dopo un primo meeting a Lione (dal vivo) e a Aubervilliers (in ologramma), il candidato della "France insoumise" terrà simultaneamente un comizio in 7 città francesi, il 18 aprile.

Riproduzione riservata ©
loading...