Roma, 11 feb. (askanews) - Il vice-premier leghista e ministro dell'Interno Matteo Salvini ha detto di essere pronto ad andare a Parigi "già questa settimana" per incontrare l'omologo francese Christophe Castaner e ricostruire così buoni rapporti tra Italia e Francia.

"Le convocazioni le lascio fare a Gattuso, io faccio incontri. Ho letto che ha detto che una volta che si saranno risolti i problemi di alta diplomazia ci rivedremo per affrontare i dossier aperti, quindi ribadisco che io sono disponibile ad accoglierlo a Roma o ad andare a Parigi già questa settimana, perché il dossier terrorismo-brigatismo rosso-terrorismo islamico è un dossier aperto", ha spiegato in conferenza stampa a Roma.

"Al confine con Ventimiglia ci sono problemi, i controlli sui treni dall'Italia verso la Francia creano enormi problemi ai nostri lavoratori. Mi dicono che in occasione del festival di Sanremo, a cui non ho partecipato, se non da lontano, c'erano autostrade chiuse e controlli stringenti anche nei bagagliai delle macchine con code di ore e ore, penso che tornare ad avere buoni rapporti sia fondamentale, prima si fa meglio è", si è augurato.

La Francia ha richiamato il 7 febbraio il suo ambasciatore in Italia, dopo una serie di dichiarazioni definite "oltraggiose" del governo italiano. La goccia che ha fatto trabboccare il vaso è stato l'incontro a Parigi del vice premier grillino Luigi Di Maio con uno dei leader dei gilet gialli.