Mondo

Filippine al voto, sui social vince Marcos, figlio ex dittatore

Roma, 23 mar. (askanews) - Ferdinand Marcos Jr, figlio e omonimo del dittatore che guidò le Filippine per circa vent'anni (1965-1986), 10 dei quali con la legge marziale, appare favorito alle presidenziali in programma il 9 maggio nel Paese. I suoi sostenitori sembrano abilissimi nell'utilizzare i social network per condurre una campagna di disinformazione che restituisca una reputazione al nome di famiglia, con capitoli anche sull'indimenticabile First Lady Imelda Marcos, e allo stesso tempo denigri il suo principale avversario.

Mentre la data del voto si avvicina, una valanga di fake news avrebbe invaso con messaggi di propaganda le piattaforme Facebook, Twitter, Youtube e TikTok degli elettori filippini, tra i più grandi utilizzatori di social network al mondo.

"Mentre scrollavo le pagine dei social network - spiega ad Afp Al Contrata, commerciante e sostenitore della famiglia Marcos - ho visto che c'erano molti articoli sui risultati del padre, allora siccome ero curioso e non avevo nient'altro da fare, ho guardato questi articoli e ho visto come erano belli i filippini al suo tempo, quanto i beni erano meno cari e il numero di infrastrutture che aveva costruito e che utilizziamo ancora oggi".

"Il mio sostegno era concreto e il mio interesse era davvero per Bongbong Marcos, chissà che possa ripetere i grandi risultati del padre e che magari possa continuare quello che ha iniziato il padre", ha aggiunto.

Ma all'Università delle Filippine, la professoressa Rachel Khan coordina un progetto di fact checking, ospitato sul sito "Tsek.ph", e senza mezzi termini spiega subito che questa campagna di disinformazione è arrivata a dire per esempio che il governo di Manila non è stato in grado di recuperare le ricchezze ottenute illegalmente dal controverso presidente, cosa assolutamente falsa.

"Vediamo da una parte che la quantità di disinformazione è triplicata o anche di più. Vediamo anche che è più strategica e organizzata. Ci sono molte fake su più piattaforme e hanno come target tutti i gruppi di età. Per esempio: i gruppi di età più elevata sono un bersaglio della disinformazione su Facebook, su Twitter, e per i più giovani, c'è anche la disinformazione su TikTok, su Snapchat, su Instagram".

In particolare, ha spiegato l'esperta vengono modificati i fatti riguardanti la legge marziale e ciò che rappresentava l'Edsa, la rivoluzione del potere popolare che portò alla caduta di Marcos nel 1986.

"Credo che la disinformazione giochi un ruolo molto importante nella manipolazione del pubblico e che il pubblico non sia consapevole di essere manipolato. È una cosa triste che la loro libertà venga rubata perché non stanno facendo una scelta consapevole".

(IMMAGINI FRANCE PRESSE)

Riproduzione riservata ©
loading...