Mondo

Donnarumma (Ad Terna): Formiamo i giovani alle skill del futuro

Roma, 13 ott. (askanews) - La rinascita del Paese parte dalla scuola, dall'impresa e dal lavoro: a tracciare la rotta sono stati oltre 100 amministratori delegati di grandi aziende del consorzio Elis nel corso di un incontro a Villa Blanc, a Roma, sede della Luiss Business School. I manager, una sessantina in presenza e circa 40 collegati da remoto, hanno accolto l'invito di Stefano Donnarumma, AD di Terna, e Marco Sesana del gruppo Generali Italia.

A spiegare l'impegno dei Ceo come chiave per la trasformazione delle società oltre che delle imprese è l'AD di Terna, Donnarumma: "Il nostro impegno è favorire la formazione delle giovani risorse per il futuro - dice Donnarumma - queste sono imprese di infrastrutture che hanno piani decennali, ventennali. Devono necessariamente pensare a quello che saranno i prossimi anni, alle necessità per sviluppare questo tipo di tecnologie e anche guidare la transizione energetica. Servono skill specifiche e noi cerchiamo di contribuire all'orientamento, allo studio e alla professione dei giovani".

Elis lavora sui temi dell'educazione e dell'innovazione sociale, con particolare attenzione all'integrazione tra mondo della scuola e dell'impresa. Ha riunito una community di Ceo perché tracciassero una rotta per il rinnovamento della scuola e della società.

Al centro i temi della transizione energetica, della sostenibilità e dell'innovazione tecnologica, che saranno il fulcro del recovery plan, ricorda Donnarumma: "Stiamo collaborando con le istituzioni proprio nella proposta di investimenti utili a questo scopo. Nel nostro caso, essendo aziende che fanno piani pluriennali, è particolarmente più semplice individuare progetti spendibili anche su questi tavoli".

Azioni concrete, dunque, per sostenere la scuola nel suo processo di trasformazione della didattica partendo dalle esperienze raccolte nel Libro bianco per la scuola, sviluppato durante il semestre Terna, e dalla Bussola per la rinascita, scritta durante il semestre di presidenza Generali Italia. Un documento che promuove comportamenti sia individuali che da portare nelle aziende e nelle istituzioni per prendersi carico della comunità.

L'era Covid e la generalizzazione dello smart working richiedono nuove strategie, come sottolinea Paolo Boccardelli, direttore della Luiss Business School: "Dal progetto fatto con Elis e con tutte le aziende del consorzio abbia tratto alcune indicazioni importanti: la centralità della persona, l'esigenza di coniugare alcune soluzioni come il lavoro agile con l'importanza di recuperare i legami sociali fra le persone. Un secondo elemento è la necessità di una nuova leadership, la necessità di recuperare una dimensione nuova nella gestione dei colleghi e delle attività."

Riproduzione riservata ©
loading...