Londra, (askanews) - Strada in salita per la Brexit nel Regno Unito; il governo britannico ha perso, infatti, un voto chiave sulla Brexit in Parlamento. Una mozione presentata dal Partito laburista che contesta all'esecutivo un "oltraggio al

Parlamento" per essersi rifiutato di pubblicare la versione

integrale di un parere giuridico sul trattato di recesso

dall'Unione europea ha ottenuto 311 voti a favore e 293 contro.

Prova della debolezza dell'esecutivo di Theresa May, che dovrà

ormai pubblicare il parere integralmente, ad una settimana da un

altro voto cruciale in Parlamento, quello sul trattato stesso,

previsto per l'11 dicembre.

Il governo conservatore ha reagito alla sconfitta garantendo la pubblicazione della "versione finale e integrale" del parere nella giornata di mercoledì 5 dicembre. Gli oppositori

sostengono che il parere rivelerà le perplessità del ministro incaricato di consigliare giuridicamente il governo, Geoffrey Cox sull'accordo di recesso.

Il voto di Wesminster ha ritardato di diverse ore il discorso

del Primo ministro Theresa May per inaugurare cinque giorni di

dibattito nel Parlamento britannico sul trattato di divorzio del

Regno Unito dall'Unione europea in vista dello storico voto

dell'11 dicembre che il governo rischia di perdere.

"È molto significativo sui piani costituzionale e politico - ha commentato il deputato dell'opposizione laburista responsabile per la Brexit, Keir Starmer - il fatto che la Camera ritenga che tutto il governo abbia commesso un oltraggio è senza precedenti".