Roma, (askanews) - Il leader degli U2 Bono Vox ricevuto da Papa Francesco in Vaticano. Un incontro di oltre mezz'ora in cui sono stati affrontati vari argomenti, dal futuro del commercio al come promuovere uno sviluppo sostenibile, agli scandali degli abusi nella Chiesa. Ma tra i motivi principali della visita c'era la presentazione dei risultati di One, l'organizzazione no profit di cui il frontman della band è co-fondatore, attiva nel campo dell'educazione con oltre 10 milioni di membri in tutto il mondo (3 milioni in Africa) e la possibile cooperazione con Scholas Occurrentes, la missione educativa della fondazione pontificia.

"Uno dei temi centrali è stato che ci sono 130 milioni di ragazze che non vanno a scuola perché sono ragazze - ha detto Bono - abbiamo un progetto chiamato 'Poverty is sexist' e stiamo portando avanti una campagna per l'educazione di tutti, siamo molto toccati da quello che anche voi state facendo".

E sul capitalismo: "Dobbiamo rivedere la bestia selvaggia che è il capitalismo, che non è immorale ma amorale, e richiede il nostro impegno".

Infine, il leader degli U2 ha parlato con il Pontefice anche degli abusi nella Chiesa in Irlanda. "Abbiamo anche parlato, inevitabilmente, di quello che è accaduto in Irlanda... gli ho detto della sensazione che gli abusatori siano stati più protetti delle vittime, e si poteva vedere il dolore nel suo volto, penso davvero sia sincero. Credo sia un uomo straordinario per tempi straordinari".