Mondo

Bolsonaro congeda 10 ministri ed elogia la dittatura militare

Roma, 1 apr. (askanews) - Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha congedato 10 suoi ministri, su 23, che parteciperanno alle elezioni generali di ottobre, nel corso di una cerimonia in cui ha elogiato l'ultima dittatura militare. Presente alla cerimonia anche la First Lady Michelle Bolsonaro. Un rimpasto importante, a sei mesi dalle elezioni presidenziali.

"Un terzo dei miei ministri oggi se ne va a testa alta, è evidente che si presenteranno per degli incarichi elettorali, altrimenti non se ne andrebbero. Dovrete parlare del vostro stato e non riceverete critiche sulla corruzione", ha affermato Bolsonaro rivolgendosi ai ministri uscenti.

"Coloro che erano al potere in quell'epoca - ha poi detto riferendosi alla dittatura militare - hanno fatto la loro parte. Cosa sarebbe il Brasile senza i lavori del governo militare? Non sarebbe niente, saremmo una repubblichetta".

"Noi tutti qui abbiamo il diritto, signor deputato Daniel Silveira, di andare e venire e lasciare il Brasile, di lavorare, costruire una famiglia, studiare".

Tra gli "uscenti" ci sono il ministro delle Infrastrutture Tarcisio Freitas, la collega dell'Agricoltura Tereza Cristina Correa da Costa, il ministro del Lavoro e la Sicurezza sociale Onyx Lorenzoni, la collega del ministero della Donna, la Famiglia e i diritti umani Damares Alves, il collega alla cittadinanza Joao Roma, il ministro allo Sviluppo regionale Rogerio Marinho e il segretario di Stato Flavia Arruda.

Poi Bolsonaro ha nominato i nuovi ministri: alle Infrastrutture Marcelo Sampaio, all'Agricoltura Marcos Montes, al Lavoro Jose Carlos Oliveira, alle Scienze, Tecnologia e Innovazione Paulo Alvim, al Turismo Carlos Brito, al ministero della Donna, Famiglia e Diritti umani Cristiane Britto, allo Sviluppo regionale Daniel de Oliveira; nuovo segretario di Stato Celio Faria Junior.

Riproduzione riservata ©
loading...