Mondo

Biden contro Trump dopo scontri a Portland: incoraggia violenza

Roma, 31 ago. (askanews) - Il candidato democratico alla Casa Bianca Joe Biden attacca il presidente Donald Trump e condanna gli scontri scatenati dalle tensioni razziali a Portland, negli Stati Uniti, che hanno portato all'uccisione un uomo. Secondo Biden il presidente Usa, "incoraggia in modo sconsiderato la violenza".

Nonostante la richiesta del governatore del Wisconsin a non andare, inoltre, Trump si recherà a Kenosha per incontrare le forze dell'ordine, dopo le proteste che hanno fatto seguito al ferimento di Jacob Blake, rimasto paralizzato dopo essere stato colpito da sette colpi d'arma da fuoco da un agente alle spalle, per motivi ancora da chiarire.

Il tema delle tensioni razziali e della brutalità della polizia, che Trump continua a sostenere anche via Tweet, con messaggi come "La violenza si ferma con la forza", accendono quindi la campagna elettorale.

Resta ancora da chiarire la dinamica dell'uccisione dell'uomo morto a Portland, durante gli scontri tra manifestanti del movimento Black Lives Matter e sostenitori di Trump. La città è teatro di proteste antirazziali da mesi, dopo l'omicidio di George Floyd. La polizia indaga. Un video diffuso sui social mostra una persona che cade terra e altre che si precipitano ad aiutarla. Secondo alcuni media Usa la vittima, un uomo bianco, sarebbe un manifestante di estrema destra.

Riproduzione riservata ©
loading...