Roma, 8 mag. (askanews) - I cristiani pachistani hanno accolto con favore l'annuncio del trasferimento di Asia Bibi, la donna pachistana di fede cristiana che era stata condannata a morte per blasfemia nel suo Paese, in Canada. "Ora è più tranquilla, qui in Pakistan sarebbe stata uccisa", dicono.

L'annuncio del trasferimento è dell'avvocato di Asia Bibi, Saif Ul Malook.

Le reazioni dei cristiani pachistani: "Può succedere di tutto a lei se continua a vivere qui. Potrebbe essere uccisa - dice Shahnaz - è giusto che sia andata in un altro paese, siamo contenti che altri paesi la aiutino a risolvere questi problemi".

"Era un problema per lei vivere ancora qui - Fayyaz Bhatti - poteva essere uccisa. Penso che sia giusto che sia stata mandata via, ora la sua vita è al sicuro e può incontrare i suoi figli".