Continuano le violenze contro i cittadini chiamati alle urne