Roma (askanews) - E' ispirata alla figura del Presidente del tribunale dei minori di Reggio Calabria Roberto Di Bella il personaggio del giudice che Alessandro Preziosi interpreta nel film tv "Liberi di scegliere", in onda su Rai1 il 22 gennaio. Dal 2012 Di Bella ha adottato un provvedimento di decadenza della responsabilità genitoriale per i figli degli 'ndranghetisti. In questo modo è riuscito a dare un futuro diverso a ragazzi destinati a ereditare il ruolo del padre all'interno della cosca. Carmine Buschini interpreta uno di questi giovani, cresciuto nella famiglia di un boss, con una madre, impersonata da Nicole Grimaudo, rigidamente fedele alle regole dell'organizzazione criminale.

"Ritengo che la grande forza di questa parentesi nel nostro Paese sia che il segnale che si dà alle famiglie malavitose è che è vero che hanno la patria potestà sui figli ma non hanno la patria potestà sulla legittimazione del male, che è quello che in qualche modo avviene, perché si ritiene che il destino di un ragazzo di 12 anni sia spacciato".

Il regista Giacompo Campiotti spiega:

"Il giudice ha detto che questo film potrà aiutare moltissime persone perché secondo lui sarà devastante per loro vedersi, perché sono persone che non hanno la capacità introspettiva e quindi vedere il male che fanno colpisce soprattutto loro stessi e la loro famiglia, sarà per lui deflagrante ha detto proprio".