Roma, (askanews) - Maurizio Crozza si è sdoppiato per vestire per la prima volta i panni di Dolce e Gabbana e mostrare le parti tagliate del video di scuse al popolo cinese dopo gli spot ritenuti razzisti, scherzando e chiamandoli "giapponesi", per poi aggiungere: "Cinesi, giapponesi, tanto sono tutti uguali e non si riconoscono".....

"Nella nostra famiglia ci hanno insegnato a non mancare di rispetto a nessuno, anche se hanno questa abitudine i cinesi di sputare per terra. Se vai a Pechino scivoli, non stai in piedi. Noi vogliamo chiedere scusa a tutti i chi chu uei chi chi wawa come si chiamano . Che c'hanno questa mania di copiarci un po' in tutto: copiano i vestiti, le cose, tutto quanto ma non sono capaci. Fanno i mafiosi, ma non sono capaci: lo sanno tutti che la mafia è un Made in Italy e ci copiano pure male", ha scherzato il comico durante la puntata di "Fratelli di Crozza" in prima serata su Nove.