Roma, 23 mag. (askanews) - Piccola polemica al festival di Cannes, alla conferenza stampa del nuovo film di Quentin Tarantino "Once Upon a Time in Hollywood" (C'era una volta a Hollywood).

Una giornalista ha chiesto al regista il motivo per cui un'attrice brava come Margot Robbie, protagonista accanto a Leonardo DiCaprio e Brad Pitt nei panni di Sharon Tate, avesse avuto poche battute, chiedendo alla stessa interprete anche un suo parere a riguardo, accusandolo velatamente di "maschilismo".

A quel punto Tarantino è sbottato: "Respingo la tua ipotesi" e ha tagliato così. Subito dopo l'attrice si è detta invece onorata di aver recitato in questo ruolo, spiegando che doveva rappresentare "un raggio di luce", il "cuore pulsante della storia", per cui non c'era bisogno di troppe parole.