Italia

Ucraina, Berlusconi: "Anche Italia in guerra perchè manda armi"

(LaPresse) "Non abbiamo leader nel mondo, non abbiamo leader in Europa. Un leader mondiale che doveva avvicinare Putin al tavolo della mediazione gli ha dato del criminale di guerra e ha detto che doveva andare via dal governo russo. Un altro, segretario della Nato ha detto che l'indipendenza del Donbass non sarebbe mai riconosciuta. Capite che con queste premesse il signor Putin e' lontano dal sedersi ad un tavolo. Temo che questa guerra continuera', siamo in guerra anche noi perche' gli mandiamo le armi, adesso dopo le armi leggere mi hanno detto che gli mandiamo carri armati e cannoni pesanti, lasciamo perdere, cosa significa tutto questo? Che avremmo dei forti ritorni dalle sanzioni sulla nostra economia e ci saranno danni ancora piu' gravi in Africa e allora e' possibile che si formino delle ondate di profughi e questo e' un pericolo derivante dalla guerra in ucraina. Bisogna pensare a qualcosa di eccezionale per far smettere a Putin la guerra". Lo ha detto Silvio Berlusconi a Treviglio partecipando ad un'iniziativa a Treviglio.
Riproduzione riservata ©
loading...