Italia

Stretta di Zaia, Bonaccini e Fedriga sui negozi e lo struscio

Roma, 12 nov. (askanews) - Arriva la stretta anti-assembramenti dei governatori di Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia, con il benestare del ministro della Salute Roberto Speranza. Per arginare i contagi da coronavirus le tre Regioni hanno concordato una serie di misure restrittive, che saranno in vigore da sabato 14 novembre al 3 dicembre.

Tra queste: centri commerciali e negozi non essenziali chiusi nel fine settimana, al bancone del bar si potrà consumare solo fino alle 15, il servizio al tavolo sarà possibile comunque fino alle 18, sono da evitare passeggiate nei centri storici affollati delle città; sospesa inoltre la ginnastica a scuola e si prega di indossare sempre la mascherina, anche in auto e in casa se ci sono "non conviventi". Vietata la consumazione di alimenti o bevande in aree pubbliche. Il governatore del Veneto, Luca Zaia, nella quotidiana conferenza stampa sul coronavirus:

"Cosa vuol dire? Che l'attività motoria, la passeggiata, la corsetta, si vanno a fare nelle aree periferiche, non si va nei centri abitati e questa è una preghiera che facciamo ai cittadini, non si va a fare la vasca, lo struscio, nei centri principali, non si va al mare per andare ad affollare le spiagge o altre cose del genere", ha affermato Zaia, ricordando che da ieri sono stati eseguiti 17.211 tamponi molecolari e 27.000 test rapidi; i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto sono +3.564 positivi, +103 ricoverati, +5 in terapia intensiva, +38 morti da ieri.

Tornano la perimetrazione e gli ingressi contingentati nei mercati all'aperto, con sorveglianza e varchi d'accesso e uscita separati. Spesa raccomandata tra le 8 e le 10 per gli anziani:

"Diciamo, come moral suasion, è fortemente raccomandato che chi può garantisca l'accesso nelle prime due ore principalmente agli over-65".

E se Stefano Bonaccini ha pubblicato un lungo post su Facebook con tutte le nuove misure per l'Emilia Romagna, il presidente del Fvg, Massimiliano Fedriga, ha presentato in una videoconferenza trasmessa sui social la nuova ordinanza concordata con le altre due Regioni:

"Questa ordinanza non vuole dare multe, questa ordinanza vuole cercare di ridarci delle regole condivise che possano limitare al massimo i contagi".

Riproduzione riservata ©
loading...