Italia

Sostenibilità, Bonomi (Confindustria): serve governance mondiale, Ue decida se accettare dumping ambientale

“L’industria italiana è pronta ed è all’avanguardia nei progetti di sostenibilità. La vera sfida sarà sulle riforme, per rendere il Paese più moderno ed efficiente e fare in modo di scaricare a terra le risorse del Recovery Plan. Ricordo che l’industria italiana, per il riciclo dei rifiuti industriali, è la seconda al mondo: un dato che nessuno conosce. Noi e le nostre imprese siamo molto avanti nella gestione delle emissioni in atmosfera e siamo molto avanti rispetto ad altre economie. La vera sfida è cercare e trovare una governance mondiale perché quando si parla di sostenibilità ambientale non possiamo prescindere da due elementi: il primo è la sostenibilità sociale ed economica e il secondo è la governance mondiale. L’Europa deve anche decidere se accettare il dumping ambientale o invece verrà considerata una relazione commerciale da disincentivare”. Così il Presidente Confindustria Bonomi al Pre-Summit Think Tank del Sole 24 Ore e Financial Times “Made in Italy: setting a new course” sui progetti italiani per il settore della sostenibilità a cui destinare i fondi europei The next generation funds.
Per approfondire
Made in Italy, Bonomi: ora partnership pubblico-privato per uscire dalla crisi
Riproduzione riservata ©
loading...