Italia

Renzo Arbore e Neri Marcorè per la Fondazione Lega del Filo d'Oro

Roma, 18 gen. (askanews) - Un filo prezioso che unisce le persone sordocieche con il mondo esterno: è questo il concetto che dal 1964 ha ispirato sia il nome che l'attività della Lega del Filo d'Oro, fino a renderla il più importante punto di riferimento in Italia per l'assistenza, l'educazione, la riabilitazione, il recupero e la valorizzazione delle potenzialità residue e il sostegno alla ricerca della maggiore autonomia possibile delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. E a quel "filo aureo della buona amicizia" - che per la fondatrice Sabina Santilli ha rappresentato il valore basilare dello spirito visionario dell'Ente, da sempre animato dal coraggio di vedere e ascoltare "oltre" ciò che è possibile, al fine di rendere la propria missione sostenibile e replicabile nel futuro - si ispira anche il concept della nuova campagna di comunicazione della Fondazione, dal titolo "È l'amore che ci lega" e firmata Arkage, che vede come protagonisti i due testimonial storici Renzo Arbore e Neri Marcorè.

Riproduzione riservata ©
loading...