Italia

Mattarella a San'Anna di Stazzema: «Produrre sempre anticorpi al virus dell'odio»

«A Sant'Anna di Stazzema si avverte il significato più profondo del nostro continuare a far memoria, perché la memoria è un dovere, rappresenta un motore di umanità, costituisce il patrimonio della comunità. Il tempo può attenuare il dolore, può allontanare lo strazio dei dolori più indicibili, ma non possiamo consentire che le coscienze si addormentino e che le intelligenze smettano di produrre anticorpi contro la violenza e l'odio». Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in visita a Sant'Anna di Stazzema (Lucca), luogo dell'eccidio nazista del 12 agosto 1944.Furono uccisi 560 civili.
Per approfondire
Mattarella: «Non smettere di produrre anticorpi al virus dell'odio»
Riproduzione riservata ©
loading...