Italia

Macron da Conte a Roma: piena convergenza su migranti, Libia e Ue

  • 02:47

Roma, 19 set. (askanews) - Piena convergenza tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il presidente francese Emmanuel Macron su migranti, crisi in Libia e nuovo assetto europeo, durante il loro incontro a Palazzo Chigi, a cui è seguita una cena di lavoro. È in particolare sullo spinoso dossier migrazione che Conte e Macron sembrano avere trovato una linea comune, almeno a parole.

"Siamo contro le immigrazioni clandestine, però abbiamo anche la necessità di gestire questo fenomeno in modo concreto, pratico, articolando vari livelli di iniziative. Ho avuto la piena disponiblità del presidente Macron per una soluzione finalmente europea, un meccanismo europeo sugli sbarchi, sulla redistribuzione ".

Da parte sua, Macron - che nel pomeriggio era stato ricevuto al Quirinale dal presidente Sergio Mattarella - ha sottolineato la necessità di un approccio che risponda all'"esigenza di umanità, perché il conflitto non può essere risolto a scapito di vite umane", e all'esigenza di "solidarietà".

"Come ho detto l'Unione europea non ha dato abbastanza prova di solidarietà con i paesi dei primi arrivi, in particolare con l'Italia, ma la Francia è pronta ad andare oltre su questo punto nel quadro di una revisione completa del regolamento di Dublino e spero che insieme potremo lavorare a una nuova soluzione, piùà forte e solidale".

Sulla situazione in Libia, Conte - che in mattinata aveva ricevuto a Roma il premier di Tripoli Fayez al Sarraj - ha affermato:

"Riteniamo fondamentale per quanto riguarda la Libia lavorare costruttivamente insieme, dobbiamo avere il medesimo obiettivo, anche coinvolgendo in questo tutti i nostri partner internazionali Il nostro obiettivo è la stabilizzazione del paese a partire dalla cessazione delle ostilità in vista della ripresa di un processo economico".

Roma e Parigi sostengono "una conferenza internazionale per la

Libia che includa tutte le parti e una conferenza interlibica che consenta la riconciliazione delle parti in conflitto sul

territorio. Un'iniziativa sostenuta dai due ministri degli

Esteri, Le Drian e Di Maio, che riuniranno gli omologhi

interessati a New York a un'attuazione concreta di questa volontà", ha insistito Macron

Quanto all'Ue e al suo nuovo assetto,

Conte ha affermato:

"Auspichiamo un contributo di tutta l'Unione europea volto al rilancio degli investimenti e della crescita economica dell'intero continente, ci confronteremo sulle modalità più concrete per migliorare la governance economica dell'Ue".

Riproduzione riservata ©
loading...