Italia

Lo sport di base riparte, evento AiCS con 6mila atleti

Cervia (Ra), 14 set. (askanews) - Seimila partecipanti, oltre 900 gare in tutta Italia, dieci discipline. Lo sport di base riparte, e in sicurezza. Dopo lo stop imposto dal Covid, l AiCS, Associazione Italiana Cultura e Sport - che riunisce oltre un milione di associati da nord a sud Italia e 11mila circoli - porta la 30esima edizione dell evento multisportivo Verde Azzurro sulla riviera romagnola.

Quasi mille gare si sono svolte da Cervia (Ra), a Misano, passando per Cesena, Cesenatico (Fc) e Rimini (Rn). Segnale della voglia di ripartire.

"C è una gran voglia di ripartire - ha detto Bruno Molea, pesidente nazionale AiCS - di tornare a fare sport a tutti i livelli, giovani e anziani, la gente vuole tornare a fare le cose che faceva prima. Il Covid purtroppo non è sconfitto: è una minaccia che rimane latente in mezzo a noi, noi abbiamo impiegato tantissimo in prevenzione e lo stiamo facendo tuttora durante i campionati. Credo che per il futuro si debba continuare così, non ci si può più fermare. Questa edizione di Verde Azzurro di AiCS ci dimostra proprio questo: che si vuole tornare a fare attività come prima".

Con una attenzione speciale alle misure anti-Covid: "Sulla sicurezza abbiamo investito molto. Facciamo informazione e formazione sugli strumenti che possano garantire a un nostro associato di stare in un ambiente sportivo, come un palazzetto, nella massima sicurezza. Finora la macchina sta funzionando a perfezione: non abbiamo avuto positivi, non abbiamo avuto persone che si sono presentate senza dovute certificazioni, i nostri atleti sono stati molto disciplinati. Questa é la strada: vaccinarsi e stare attenti. Dobbiamo convivere con questa tremenda pandemia, rispettandola ma senza smettere di vivere".

Dall'atletica leggera (con il memorial Pietro Mennea) al pattinaggio e alla pallavolo, dal basket al tennis, fino alla novità Powerlifting (gare di sollevamento pesi per le categorie Under, Juniores, Open e Master).

Alle gare si sono affiancati momenti di formazione. Tra questi anche un seminario sull intelligenza emotiva rivolto a tecnici e allenatori di bambini e atleti giovanissimi.

"Per AiCS, ente di promozione sportiva - ha aggiunto Cosimo Renzi, dell'Ufficio progettazione AiCS - la formazione dei propri tecnici, che siano allenatori o dirigenti, è un aspetto fondamentale delle sue attività e usiamo questo momento di ripartenza, dove possiamo anche incontrarci dal vivo, per avere un momento di formazione sulle competenze che consentano agli allenatori di rivolgersi ai loro gruppi di atleti, in particolare modo bambini, per poter gestire le situazioni critiche che potrebbero derivare dalle interazioni dei bambini stessi e tra di loro".

Una ripartenza in sicurezza importante, a beneficio soprattutto dei più piccoli e delle famiglie, traino per una ripartenza anche economica e del turismo sportivo.

Riproduzione riservata ©
loading...