Italia

Iraq, attentato alle forze speciali: 5 italiani feriti

Attentato in Iraq: un ordigno rudimentale è esploso vicino Kirkuk, investendo in pieno il convoglio Task force 44 delle forze speciali. L'ordigno artigianale, uno Ied, è scoppiato alle 11.16 (le 9,16 italiane) del 10 novembre, al rientro da un addestramento di forze locali. L''esplosione a circa 90 km a Sud-Est di Kirkuk, in una zona contesa fra curdi e iraniani. Cinque i militari italiani feriti, tre in modo grave: due sono parà Col Moschin dell'Esercito e tre incursori Comsubin della Marina militare. I 5 feriti sono all'ospedale militare di Bagdad. A un militare è stata amputata una gamba, a un altro sono stati ricuciti gli intestini. Al terzo ferito grave è stato amputato un piede. E ha anche una grave frattura alla gamba. Il 12 novembre 2003 alle 10.40 (8,40 italiane) nell'attacco alla base Maestrale a Nassiriya, morirono 19 italiani: 12 carabinieri, cinque soldati e due civili.
PER APPROFONDIRE
Iraq: 5 militari italiani feriti in attentato nel Kurdistan iracheno
Riproduzione riservata ©
loading...