Italia

Giovane ucciso a Roma: il killer denunciato dalla madre

«Temo sia stato mio figlio, forse è coinvolto nell'omicidio di Luca Sacchi». Questo è quanto avrebbe detto la mamma del ragazzo sospettato di avere ucciso con un colpo di pistola Luca Sacchi, 24 anni, a Roma. La donna si è recata nella tarda serata di ieri in un commissariato accompagnata dall'altro figlio per comunicare i suoi sospetti. Da lì sono poi scattate le indagini dei carabinieri che con la polizia hanno poi bloccato i sospettati. A sparare sarebbe stato un incensurato, il complice avrebbe precedenti per droga. Subito dopo l'omicidio è stata immediatamente avviata una serrata attività di indagine da parte dell'Arma dei Carabinieri e della Polizia di Stato, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, che ha consentito di raccogliere elementi di colpevolezza nei confronti di Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, entrambi di 21 anni, gravemente indiziati di essere i responsabili dell'efferato delitto. Del Grosso è stato rintracciato in un hotel in zona Tor Cervara, mentre Pirino sul terrazzo di una palazzina dove si era nascosto, in zona Torpignattara. I due giovani sono stati sottoposti a fermo del Pubblico ministero emesso dalla Procura della Repubblica di Roma per i reati di omicidio, rapina, detenzione e porto abusivo di armi e condotti presso la casa circondariale di Regina Coeli.

PER SAPERNE DI PIÙ
Giovane ucciso a Roma: il killer denunciato dalla madre
Riproduzione riservata ©
loading...