Italia

Falsi dati all'Iss per evitare zona rossa, 7 indagati in Sicilia

Milano, 30 mar. (askanews) - I dati su nuovi positivi, tamponi e decessi per Covid venivano falsati e inviati così all'Iss per evitare ulteriori restrizioni. Con questa pesante accusa in Sicilia sono finiti ai domiciliari la dirigente del dipartimento regionale per le attività sanitarie e due suoi collaboratori.

Nell'inchiesta della procura di Trapani è coinvolto fra gli indagati, in tutto 7, anche l'assessore regionale alla Salute Ruggero Razza che si è dimesso.

Dalle indagini è emerso che alla "diffusa disorganizzazione ed lentezza da parte degli uffici periferici incaricati della raccolta dei dati si è sommato "il dolo di organi amministrativi e politici ai vertici dell'organizzazione regionale".

Secondo il Gip "sembra estraneo il Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, che anzi pare tratto in inganno dalle false informazioni che gli vengono riferite".

Riproduzione riservata ©
loading...