Italia

Falcone inedito: "Cosa nostra non sbaglia mai un omicidio"

Palermo 23 mag. (askanews) -

Palermo, 22 marzo 1989 - Palermo 23 maggio 1992

Era il marzo 1989: Giovanni Falcone parlava ai "suoi" uomini a pochi mesi dall'attentato all'Addaura e a tre anni dalla strage di Capaci. "Non c'è un omicidio sbagliato in seno a Cosa nostra": a trent'anni da quel 23 maggio 1992, quando con una carica di tritolo sventrò l'autostrada per Palermo uccidendo lo stesso magistrato simbolo della lotta alla mafia, la moglie e tre uomini della scorta, le parole di Falcone - in questo audio esclusivo di askanews (disponibile anche in versione podcast "Falcone: le parole inascoltate") -suonano quasi come una profezia.

Il magistrato, che cinque giorni prima dell'attentato aveva compiuto 53 anni, aveva dovuto cambiare i programmi all'ultimo minuto prima di tornare a Palermo, annullando una gita in barca a Favignana con la moglie. Ma, come dice lui stesso in questo nastro, "Cosa nostra ha sempre notizie di prima mano".

Di Serena Sartini e Andrea Tuttoilmondo

Riproduzione riservata ©
loading...