Italia

Coronavirus, dal basso lodigiano messaggi d'incoraggiamento

Secugnago, 26 feb. (askanews) - "Non facciamo allarmismo, siamo convinti di tutto, i nostri sindaci sono perfetti, ci danno tutte le istruzioni del mondo, i negozi ci sono, mangiamo, io lavoro, mio marito lavora perché siamo qui".

Da Secugnago, cittadina di 2mila anime in provincia di Lodi, Maria Rosa lancia un messaggio d'incoraggiamento e speranza per chi in questo momento sta affrontando l'emergenza causata dall'infezione da coronavirus Covid-19 in Italia. Secugnago è nella zona gialla, perché è a pochi Km dai comuni "focolaio" di Codogno, Lodi e Casalpusterlengo ma, nonostante la legittima preoccupazione, non ci si lascia andare a scene di inutile isteria.

"La mia paura è per gli anziani - continua Mari Rosa - ho due anziani e gli dico state in casa, però noi viviamo bene, perché se no muori di angoscia e non è vero".

"Cerchiamo di andare avanti e passerà anche questo momento, rimaniamo sereni", dice un giovane commerciante.

"C'è un po' di paura però la vita va avanti normale. Abbiamo delle attività chiuse perché arrivano dalla zona rossa ma per il resto ci affidiamo alla provvidenza", aggiunge un abitante.

Tra le buone notizia che arrivano dall'area colpita dalla crisi, quella di una donna di Piacenza, positiva al Covid-19 assieme al marito che ha partorito e il neonato è risultato negativo al virus.

Riproduzione riservata ©
loading...