Italia

Coronavirus, gli aiuti dalla Cig ai congedi, ai voucher baby sitter

di Nicoletta Cottone

Nella cassetta degli attrezzi per combattere il coronavirus sono stati messi in campo una serie di aiuti per famiglie e lavoro. Cassa integrazione ordinaria e assegno ordinario erogato dal Fondo di integrazione salariale per 9 settimane dal 23 febbraio. Indennità di 600 euro per partite Iva, collaboratori e autonomi per compensare gli effetti negativi sulle attività del coronavirus. Voucher baby sitter da 600 a mille euro dal 5 marzo per i figli al di sotto dei 12 anni, alternativo al congedo parentale “straordinario”. Congedo parentale di 15 giorni, indennizzato al 50% del reddito, dal 5 marzo alla chiusura delle scuole, per dipendenti, autonomi e Pa. Dodici giornate aggiuntive di permessi legge 104/1992, fruibili nei mesi di marzo e aprile, in aggiunta ai 3 giorni al mese ordinari.
Per approfondire:
Decreto «Cura Italia»: dal voucher baby sitter ai bonus prima casa, ecco i chiarimenti ufficiali
Covid-19, voucher babysitter anche ai medici autonomi
Riproduzione riservata ©
loading...