Italia

Consultazioni, Di Maio: c'è accordo politico con Pd per incarico a Conte

“Sulla testa degli italiani è piombata una crisi inaspettata. Molti di questi italiani stavano aspettavano un abbassamento delle tasse a fine ano, una sanità più libera dai partiti, la revoca delle concessioni, investimenti per il Sud, ma si è deciso di far saltare tutto, eppure gli italiani avevano votato per vedere risolti i propri problemi e non quelli di qualcun altro”. Lo ha detto il capo politico del M5S Luigi Di Maio al termine della seconda tornata di consultazioni al Quirinale. Sottolineando che il sostegno di Trump a Conte giunto via Twitter “ci indica che siao sulla strada giusta”. Ha ricordato che “in politica ci sono due categorie, quelli che la fanno e quelli che se ne approfittano. M5s non si sottrarrà ai propri impegni”.Ha sottolineato che il ruolo di premier di Giuseppe Conte “ci fa sentiti garantiti sulle politiche che vogliamo realizzare”.”Siamo sempre stati un movimento post ideologico, abbiamo sempre pensato che non esistano schemi di destra o sinistra, ma solo soluzioni. Ci hanno accusato dell'essere dell'una o dell'altra parte. Questi schemi sono ampiamente superati”. Ha esplicitato che la Lega gli aveva proposto di averlo “come premier per il M5s e mi ha informato di averlo comunicato anche a livello istituzionale. Li ringrazio con sincerità ma con la stessa sincerità dico che penso al bene di questo Paese e a non me”.
“Come capo politico del Movimento 5 Stelle chiederò che il percorso di formazione del nuovo Governo parta dalla creazione di un programma omogeneo e che metta al centro i cittadini e i problemi che vivono ogni giorno. Solo dopo aver ben definito tutte le cose da fare insieme, si potrà decidere chi sarà chiamato a realizzare le politiche concordate”, ha precisato il leader del M5S, dopo aver annunciato che c'è un accordo di governo con il Pd.
Riproduzione riservata ©
loading...