Italia

Blangiardo (Istat): «Cosa insegna questa pandemia confrontata con le precedenti»

di Marco lo Conte

“Le ripercussioni della pandemia da coronavirus saranno molto pesanti dal punto di vista economico e livello internazionale. Ma occorre leggere i dati correttamente: nei primi tre mesi dell'anno sono decedute circa 200mila persone di cui 7mila finora per coronavirus”. Gian Carlo Blangiardo, presidente Istat, è intervenuto nel corso del videoforum Il Sole Risponde per spiegare l'impatto sul tessuto sociale di questa pandemia. Secondo Blangiardo si tratta di numeri importanti ma da calare nella realtà: “Sono convinto che dal punto di vista demografico, sulla consistenza e sulla struttura della popolazione, gli effetti saranno marginali. Anche aumentando del 50% la mortalità della popolazione italiana l'età media alla nascita non scenderebbe sotto gli 80 anni, che sono i livelli del 2009”. Ecco il presidente dell'Istat intervistato da Marco lo Conte
Riproduzione riservata ©
loading...