Italia

Berlusconi: "Intercettazioni necessarie a volte, ma no a italiani trattati come sospetti mafiosi"

(Agenzia Vista) Roma, 23 gennaio 2023
"Noi sappiamo benissimo che in alcuni casi le intercettazioni sono uno strumento di indagine necessario. Nessuno ha mai pensato di impedirne o di limitarne l'utilizzo per le indagini di mafia o di terrorismo.
Quella che invece ci ripugna, quella che combatteremo sempre con tutte le nostre forze, è l'idea che tutti gli italiani possano essere trattati come sospetti mafiosi o sospetti terroristi. È l'idea che la libertà, la privacy, l'intimità di ciascuno di noi, delle nostre case, delle nostre conversazioni, possa essere violata con la massima facilità. Che la tecnologia, con la scusa di prevenire i reati, possa controllare e soffocare la nostra libertà.
È quello che già avviene in Cina, dove un sistema capillare e sofisticato di controlli, basato sul riconoscimento facciale e quello vocale, serve per reprimere il dissenso delle minoranze religiose", le parole di Silvio Berlusconi in un video postato sui social. / Fb Berlusconi
Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev
agenziavista.it
Riproduzione riservata ©
loading...