Italia

Assalto al portavalori a Brindisi, rapinatori senza bottino: la ricostruzione

Laboriose attività investigative della Squadra mobile della Polizia brindisina per individuare i componenti del commando armato che sulla statale Lecce- Brindisi il 18 gennaio del 2018, alle ore 7.05 circa del mattino, avevano attaccato il furgone blindato portavalori Cosmpol che trasportava denaro e valori per circa mezzo milione di euro, da consegnare agli uffici postali in provincia di Taranto. L'assalto del commando armato, composto da almeno 10 persone, che imbracciavano anche armi da guerra avevano raggiunto il luogo dell'assalto a bordo di 4 distinte autovetture. Avevano sparso sulla strada chiodi a quattro punte per fermare il traffico veicolare in entrambe le direzioni di marcia. Il furgone blindato, veniva raggiunto, affiancato e bloccato da un´autovettura i cui occupanti esplodevano colpi d´arma da fuoco. Quattro persone armate, con il volto travisato da passamontagna scese dall´auto si dirigevano con le armi in pugno verso il furgone portavalori, contro il quale continuavano a sparare più colpi, intimando all´equipaggio di aprirlo. Dopo pochi secondi, i rapinatori sollevavano la parte posteriore del furgone e iniziavano a tagliare la carrozzeria in corrispondenza della parte c'era la cassaforte. Vista l'impossibilità di aprirla i rapinatori si erano dati alla fuga su un furgone successivamente rinvenuto e sequestrato. Prima di allontanarsi avevano cancellato le tracce della loro presenza a bordo delle quattro auto e del furgone, facendo uso della schiuma di un estintore. Eseguite 8 misure cautelari a carico dei rapinatori
Riproduzione riservata ©
loading...