Roma (askanews) - Come eccellere, e vincere, nello sfidante mercato turistico

italiano? Lo spiegano alcuni dei protagonisti della serata romana di gala di Italia Travel Awards, gli oscar del turismo, che si sono portati a casa l'ambito riconoscimento assegnato da agenti di viaggio e viaggiatori per il 2018. Ci vuole certo il prodotto ma il vero segreto è un altro. Almeno per Franco Gattinoni, a capo dell'omonimo gruppo che ha da poco compiuto 35 anni con

risultati da top player nel settore del network agenziale e non solo. Cosa ci vuole per essere i migliori?

"Tanta passione, e io l'ho sempre avuta e ancora ce l'ho, una squadra affiatata che mi segue in un grande lavoro di team, serietà e costanza. Non ci sono altri ingredienti nel nostro pastificio. E resto dell'idea che se qualcuno perde un pò di passione forse non deve lavorare nel nostro campo perchè è un

lavoro fatto di serietà e di passione".

Per gli altri ingredienti basta rivolgersi a Marco Peci, direttore commerciale Quality Group:

"L'eccellenza si raggiunge, per noi, con l'impegno a interpretare, come fatto negli ultimi 20 anni, una ricerca di specializzazione andando a segmentare per marchio le diverse destinazioni. Poi investendo moltissimo".

Non solo Agenzie, brand e tour operating, con gli Italia Travel Awards che anno dopo anno scandagliano con il voto tutto l'universo turistico. Ovviamente anche il mare, e sul mare il vero segmento d'eccellenza. Le crociere. Che evolvono e grazie a navi come la Symphony of the Seas, la nave dei record che ha debuttato proprio nel Mediterraneo, puntano a nuovi obiettivi di

mercato. Silvio Ciprietti, Head of Sales per il mercato italiano di Royal Caribbean:

"Puntiamo molto ad un nuovo target, i millenials, che in America sta avendo un grande successo. Stiamo puntando con nuove strategie anche sul mercato italiano per coinvolgere questo nuovo segmento. E riteniamo che le nuove classi, come l'ammiraglia Symphony of the Seas in queste settimane nel Mediterraneo e con scalo Roma, siano un prodotto studiato per i millenials, con una varietà di intrattenimento e una esperienza a bordo più che una

crociera".