Cordoli di ultima generazione per la mobilità urbana e piste ciclabili per estendere la rete di collegamento del prossimo Grab, il Grande raccordo anulare delle bici. Sono questi due degli interventi finanziati a Roma dal Programma Operativo Nazionale “Città Metropolitane 2014-2020”, nel 2018 giunto al giro di boa della programmazione pluriennale. I cordoli hi-tech per delimitare le corsie preferenziali dei mezzi pubblici, finanziati con oltre 700mila euro, sono stati installati negli ultimi mesi su vari tratti delle strade di commerciali e di scorrimento, come viale Libia, Viale Eritrea, via Nomentana e via Orazio Pulvillo.
Anche gli interventi per migliorare le infrastrutture per la ciclabilità della Capitale sono a buon punto. Su via Nomentana, lo stanziamento da 1 milione e 700mila euro ha permesso di creare una nuova infrastruttura di 3,6 km, in gran parte già percorribile o in fase di collaudo. Su via Tuscolana, il cantiere da 500mila euro per la nuova pista da 2,2 chilometri è partito lo scorso luglio.
A consuntivo dell'anno appena concluso, l'Organismo Intermedio presso il Dipartimento Progetti di sviluppo e finanziamenti Ue del Comune di Roma ha registrato il superamento dei target 2018 in 3 su 4 Assi del programma, escluso l'Asse 5, relativo all'assistenza tecnica e la comunicazione, il cui finanziamento verrà impegnato a partire dal 2019.
PER SAPERNE DI PIU’
Senzatetto, piano-Rom, Bike park e piste ciclabili: ecco come Roma spende i fondi europei (di Vittorio Nuti)
RUBRICA FONDI EUROPEI / Progetti e risultati della politica di coesione dell'Ue (a cura di Giuseppe Chiellino)