Lecce (askanews) - La rete in fibra ottica è pronta per raggiungere le case dei leccesi. Dopo la firma, nel novembre 2017, della convenzione con il Comune che prevedeva, fra l'altro, la posa di fibra "spenta" in 50 sedi comunali con il riutilizzo di infrastrutture esistenti, Open Fiber sta per aprire la vendibilità del servizio per internet in banda ultra larga tramite gli operatori partner. Un vero e proprio salto nel futuro per i leccesi secondo il vicesindaco della città, Alessandro Delli Noci.

"Una città che guarda al futuro costruisce delle basi e delle infrastrutture - ha detto - noi lo stiamo facendo con un cablaggio di tutta al città per consentire a tutti i cittadini di poter lavorare da casa, potersi connettere, utilizzare la domotica, immaginare una connessione ad alta velocità anche per svagarsi o guardare la partita".

Obiettivo: raggiungere in 18 mesi, con un investimento di 12 milioni di euro, 34mila unità immobiliari. Con Cosimo Bianco, responsabile del progetto Open Fiber per Lecce, abbiamo fatto un giro nei cantieri per capire come avviene il cablaggio.

"Questa è la nostra centrale - ha spiegato - da qui partono i nostri cavi in fibra ottica che vanno verso la città".

Tutto ha origine da un posto come questo, un Pop (point of presence). I cavi in fibra vengono interrati, sfruttando per quanto possibile pozzetti già esistenti e in modo da ridurre al minimo i disagi per gli automobilisti. Da qui ci si tuffa nel sottosuolo cittadino.

"Questo è il nostro cavo che contiene le fibre al suo interno, con questo strumento viene soffiato fino al giunto distante circa 600 metri. All'interno di questo giunto avverrà la giunzione tra le due estremità dei cavi in fibra ottica".

Quest'ultima è letteralmente un'operazione "chirurgica" che richiede manodopera altamente specializzata. L'allineamento tra i due monconi di fibra deve avvenire al micron di millimetro. E così, giunto dopo giunto, a Lecce sono stati interrati 650 km di fibra ottica. Giovanni Cassano, coordinatore per la Puglia di Open fiber.

"Cablare lecce per noi è stata una sfida davvero importante - ha detto - ed è una pietra miliare dello sviluppo per tutti i servizi che offriremo in modalità Ftth (Fiber-to-the-home, ndr) in tutrta la regione Puglia. Lecce per noi è stata importante in termini di sfida in quanto è stata realizzata in completa sinergia con l'amministrazione e abbiamo la grande soddisfazione di annunziare che entro l'anno apriremo il servizio commerciale in città".

Il processo di cablaggio termina con l'arrivo dei cavi a un "armadio stradale"; ed è da qui che partono effettivamente i cavi che raggiungono gli edifici, quindi, i cittadini. Una delle particolarità è il ripristino della sede stradale. Dopo gli scavi e la scarificazione, vengono rimessi asfalto e segnaletica, e la città è libera di correre, in tutti i sensi.