Milano (askanews) - L'Italia protagonista assoluta del turismo del lusso: su 18 categorie previste dai prestigiosi Excellence Awards di Condé Nast Johansens, dedicati agli alberghi dell'Europa e del Mediterraneo, ben dieci premi sono andati a strutture italiane. Più che di un omaggio obbligato alla qualità del nostro Paese si potrebbe parlare di una vera e propria incoronazione del saper fare, del gusto, dell'eccellenza espressa dalla cultura italiana dell'ospitalità di alta fascia. "Incoronazione" che si è svolta a Londra nel corso di una serata di gala al The May Fair Hotel, durante il World Travel Market. "E' meraviglioso perché dimostra quanto sia forte l'ospitalità italiana, soprattutto nel settore indipendente - dice Charlotte Evans Direttore Gruppo editoriale Condé Nast - Penso che gli albergatori italiani abbiamo qualcosa di davvero speciale, sono autentici, sono onesti, hanno uno straordinario servizio ai clienti e sanno raccontare storie. In questo modo gli ospiti degli alberghi possono vivere l'esperienza dell'Italia autentica e gustarne l'autentico sapore".

Con gli Excellence Awards - veri e propri Oscar del turismo di lusso, Condé Nast Johansens premia di anno in anno le eccellenze scelte fra le guide "UK, Europe & The Mediterranean", "Luxury Spas" e "The Americas & Carribean" e sul sito www.condenastjohansens.com. Una scelta fatta sia sulla base dei giudizi e delle segnalazioni dei lettori, sia soprattutto dopo l'accurato lavoro di ispettori che valutano le singole strutture con visite in incognito. "Vanno valutati gli standard qualitativi delle strutture alberghiere senza mai soffermarsi alle apparenze - spiega

Gianna Illari Hotel Ispector per Condé Nast Johansens - Molte volte vedendo da internet o dalle brochure le diverse descrizioni si ha l'impressione che gli hotel siano veramente eccellenti; ma poi è solo nel momento in cui si va, e si vive l'hotel in ogni singolo aspetto, ci si accorge veramente del livello di qualità e se è valido oppure no".

Le strutture italiane hanno conquistato il prestigioso riconoscimento nelle categorie: "Best Hotel with Spa" (Parco dei Principi, Roma), "Best New Luxury Spa" (Almablu Spa, Jesolo), Best Service (The Ashbee Hotel, Taormina), Best Serviced Accommodation (Castello di Postignano, Postignano), Best Small & Exclusive Property (Masseria Susafa, Polizzi Generosa, Palermo), Best for Family (Monsignor della Casa Country Resort, Borgo San Lorenzo, Firenze), Best Waterside Hotel (SINA Centurion Palace, Venezia), Best Countryside Hotel (Borgo Pignano, Volterra), Best Urban Hotel (Bernini Palace, Firenze), Best Green Hotel (Agriturismo L'Unicorno, Bedizzole, Brescia).

Se nel complesso tanti vincitori italiani sono il segno di una cultura diffusa che fa sistema, ciascun vincitore ha visto premiato nel dettaglio il segreto di un saper fare specifico. "E' un mix di tanti fattori - dice Corrado Becchetti dell'Agriturismo L'Unicorno, vincitore nella categoria Best Green Hotel - sicuramente aiuta quella che è l'ospitalità italiana, la nostra cucina, il nostro buon vino, la filiera corta. Ma conta soprattutto il fatto di offrire un prodotto genuino che viene dalla terra, da nostro lavoro, e il cliente lo vede e lo può sentire nei profumi, nei sapori, nell'atmosfera che trova nella nostra casa".

"In qualche modo il nostro nome ci aiuta in questo: 'Susfa' che vuol dire 'Se lo sa fare' - afferma a sua volta Manfredi Rizzuto, proprietario della Masseria Susafa premiata come Best Small & Exclusive Property - Questo premio penso che sia una buona occasione per rivendicare il nome e le origini. Quindi sicuramente viene premiato il saper fare di tutti noi, di tutto lo staff e il loro impegno". "E' un premio molto importante - aggiunge Paolo Morra, general manager del SINA Centurion Palace, vincitore come Best Waterside Hotel - perché Condé Nast Johansens è un brand importantissimo del lusso e riconosciuto in tutto il mondo, per cui per noi il premio ha un valore davvero importante".

L'elenco completo dei vincitori e le caratteristiche delle strutture premiate sono presenti sul sito www.condenastjohansens.com

luca.ferraiuolo@askanews.it