La prima pagina di oggi
Leggi fino al 30/9 a soli 9,90 €Prima ti abboni, più leggi, più risparmiAbbonati

Economia

Cemento, in Italia si recupera il 7,5% delle materie prime impiegate nel ciclo produttivo

di Alessandro Lerbini

Intervista a d Antonio Buzzi (coordinatore commissione ambiente economia circolare Federbeton)
Il settore del cemento e del calcestruzzo non è nuovo al tema dell'economia circolare. Il recupero di materia ed energia sono prassi consolidate sia nella produzione nel cemento come materiale sostitutivo della materia prima, sia come utilizzo di materiale di recupero all'interno dei cementi stessi. Anche il calcestruzzo consente oggi di utilizzare degli aggregati di recupero derivanti da demolizioni e ricostruzioni e da rifiuti edili e potrebbe sostituire abbondantemente in Italia fino a 10-15 milioni di aggregati naturali che vengono estratti dalle cave con questa tipologia di rifiuti. Esiste però un problema molto forte che è quello di un regolamento End of Waste per queste tipologie di rifiuti che è pendente dal ministero dell'Ambiente da ormai due anni. Oggi nel cemento l'Italia recupera il 7,5% del totale delle proprie materie prime impiegate nel ciclo produttivo. Inoltre recuperiamo sotto forma di energia circa 350mila tonnellate di rifiuti provenienti dall'urbano indifferenziato. Questi numeri rappresentano però una piccola fetta: in Italia si producono 30 milioni di Rsu e circa 135 milioni di rifiuti industriali.

Riproduzione riservata ©

Consigliati per te