La proposta della Commissione europea per la riforma della politica di coesione è una buona base di partenza per il negoziato e l'Italia ha margini per ottenere un maggiore respiro temporale nella programmazione dei fondi Ue, che si conferma una delle nostre priorità. A dirlo è Antonio Caponetto, direttore generale dell'Agenzia per la Coesione territoriale, che risponde anche su Investitalia e ruolo dell'Agenzia per la Coesione.
PER SAPERNE DI PIU’
RUBRICA / Fondi europei, progetti e risultati delle politiche di coesione della Ue