Las Vegas, 9 gen. (askanews) - Oltre 1.100 startup provenienti da più di 40 Paesi diversi. Al Ces di Las Vegas, la più grande fiera della tecnologia deI consumo, va in scena anche il più grande evento dedicato alle nuove imprese, a caccia di visibilità e investitori. Uno spazio, al Sands Expo (Eureka Park), dedicato alle idee che potrebbero rivoluzionare il modo in cui vivremo, mangeremo, comunicheremo in futuro.

L'Italia dà un grande contributo partecipando con una cinquantina di startup. Ce ne parla Michele Balbi presidente di Teorema che in collaborazione con Area science Park, ente nazionale di ricerca e innovazione, ha creato Tilt, il progetto che coordina la delegazione italiana, insieme con l'Istituto del Commercio Estero (ICE) il contributo dell'Associazione dei Parchi Scientifici e Tecnologici Italiani (APSTI) e la Regione Sardegna: "Lo stand quest'anno è molto grande, siamo entusiasti, i ragazzi sono carichissimi. Ci sono state molte visite durante la giornata. Avremo l'investor night, i ragazzi racconteranno i loro prodotti, i loro sogni, quello che vogliono fare".

Il Padiglione italiano è stato inaugurato da Gary Shapiro, il presidente di Cta, la Consumer technology association che organizza il Ces. Il taglio del nastro ha dato simbolicamente il via all'avventura italiana a Las Vegas, fra l'applauso delle startup.