Finanza

La giornata dei mercati

Seduta a ostacoli per le Borse europee che chiudono al rialzo la seduta del 25 giugno ma hanno dovuto fare i conti con gli effetti delle fosche previsioni macro dell'Fmi, l'impennata dai casi Covid negli Usa e la debolezza di Wall Street, stupita da un aumento inatteso dei sussidi di disoccupazione. Gli investitori si sono però rifugiati nelle parole rassicuranti della Bce che ha definito il Qe «proporzionato» e con garanzie sufficienti (rispondendo così, seppur indirettamente, ai dubbi sollevati dalla Corte costituzionale tedesca). Piazza Affari, in preda alla volatilità per tutta la giornata, ha chiuso più indietro delle altre Borse con un rialzo dello 0,37% e lo spread a 177 punti.
Riproduzione riservata ©
loading...