Finanza

La giornata dei mercati

Chiusura in deciso calo per le Borse europee nella seduta del 15 ottobre 2020. Gli investitori si sono fatti spaventare dalla paura di nuovi lockdown, dalle difficoltà a raggiungere un accordo sulle condizioni commerciali della Brexit e dall'incertezza sull'esito delle discussioni a Washington su nuovi stimoli all'economia. Così Milano ha perso il 2,7%, con lo spread in rialzo a 129 punti, ribassi oltre 2 punti per parigi e francoforte, Londra -1,7. I ribassi sono stati generalizzati, ma la sorte peggiore è toccata ai titoli del comparto turistico, automotive ed energetico. A Piazza Affari il Ftse Mib ha finito quasi completamente in rosso: si sono salvate solo Ferrari e Banco Bpm, quest'ultima sulle voci di una accelerazione nel dialogo con Credit Agricole per una possibile combinazione in Italia. In coda gli industriali e i petroliferi (Tenaris -5%, tra le peggiori sul listino principale). Ha pesato il nuovo ribasso del petrolio, sui rischi sulla domanda e nonostante il calo superiore alle stime delle scorte americane. In questo quadro si torna su asset rifugio come il biglietto verde, con il cambio euro/dollaro attorno a 1,17.
SEGUI
Tutti i dati dei mercati
Riproduzione riservata ©
loading...