Convivere con il virus

La consulenza indipendente guarda ai giovani

di Marco lo Conte

Sono pochi i giovani che svolgono l'attività di consulenti finanziari: solo il 12% degli iscritti all'Anasf, l'associazione dei consulenti finanziari abilitati all'offerta fuori sede, ha meno di 40 anni. Analoga ricerca di nuove leve si registra tra i consulenti finanziari indipendenti, remunerati a parcella e non in ragione del loro collocamento. L'apporto di una consulenza più giovane sarà sempre più rilevante, dal momento che nei prossimi 10 anni passerà di mano un quinto del patrimonio accumulato dalle generazioni più mature a quelle più giovani. Occorrerà riposizionare il portafoglio sulla base di nuovi profili di rischio/rendimento ma anche rinnovare i linguaggi e le tecnologie utilizzate. Se n'è parlato nel corso del videoforum del Sole 24 Ore che ha visto la partecipazione di diversi consulenti indipendenti. Tra questi Alessandro Cavazzoni che ha spiegato l'apporto che può dare il punto di vista di un giovane alla consulenza finanziaria.
Riproduzione riservata ©
loading...