Finanza

Exor e gli Agnelli sempre più ricchi: in Francia accordi per 7 miliardi

di Marigia Mangano

Avviate due maxi operazioni in utile: la vendita potenziale di Partner Re (plusvalenza 3 miliardi) e il dossier Fca-Psa (3,9 miliardi tra cedole e premio). L'operazione di cessione del gruppo riassicurativo Partner Re è bene avviata. E se dovesse andare in porto, per Exor potrebbe significare mettere a bilancio una plusvalenza secca di tre miliardi di euro. Quanto basta per portare a 7 miliardi la creazione di valore che si potrebbe generare nell'anno 2020 grazie ad accordi avviati e potenziali con partner di nazionalità francese. C'è poi il dossier Fca-Psa. La fusione è in pieno svolgimento e dovrebbe chiudersi entro fine anno. E il matrimonio francese genererà altrettanta ricchezza per la holding e per i suoi azionisti.
Per approfondire:
Exor e gli Agnelli sempre più ricchi. Gli accordi in Francia creano nuovo valore per 7 miliardi
Exor tratta con Covea la vendita di Partner Re per 9 miliardi (e 3 di plusvalenza) ()
Riproduzione riservata ©
loading...