Finanza Personale

Il mutuo oggi non è più per tutti

di Vito Lops

Il rialzo dei tassi in corso da parte della Banca centrale europea sta deteriorando il potere degli aspiranti mutuatari di contrarre un prestito ipotecario. I dati medi indicano che la durata è salita da 22 a 24 anni, così come il livello di debito necessario rispetto al valore dell'immobile. In sostanza serve più reddito per acquistare un immobile di minor valore e, per farlo, bisogna chiedere più soldi in prestito (in percentuale sul valore della casa) e indebitarsi per più tempo. L'unica notizia positiva in questo contesto difficile riguarda le agevolazioni governative per i più giovani che sono state recentemente prorogate. Il video commento del giornalista del Sole 24 Ore Vito Lops.
Riproduzione riservata ©
loading...