Il timore sempre più diffuso sui mercati è che il caso di General Electric, tracollata a Wall Street del 56% da inizio anno per un mix di incertezza industriale e problemi finanziari, sia solo la punta di un iceberg. Perché il colosso americano si trova oggi a pagare, in grande, la somma di tanti comportamenti che negli anni del denaro facile sono stati molto diffusi a Wall Street. Per esempio la corsa ad emettere bond,soprattutto tra aziende a bassa affidabilità: moda diffusa, che ha gonfiato il mercato americano dei bond aziendali fino a quasi 7mila miliardi di dollari.

PER SAPERNE DI PIU’
Wall Street nella trappola di buyback e super debito (di Andrea Franceschi e Morya Longo)