Il crack della quarta banca d'affari americana, Lehman Brothers, costrinse il mondo a riflettere sulla forza, ma anche sulla fragilità del sistema finanziario globale. Quello che nessuno pensava potesse accadere, era accaduto: il fallimento di una grande banca, con un effetto domino sugli altri istituti di credito nel mondo. Una crisi finanziaria, innescata dalla crisi dei mutui subprime, che divenne presto economica mettendo in ginocchio le economia dei Paesi più ricchi. Un tracollo provocato da prodotti finanziari, i CDO, che contenevano pezzi di pezzi di mutui, in scatole dove i mutui sicuri a tripla A erano agganciati a mutui ad alto rischio. Prodotti che si diffusero in tutto il mondo esportando la crisi. Dagli Stati Uniti all'Europa, i governi furono costretti a intervenire, mettendo mano ai portafogli, per garantire i debiti e nazionalizzare le banche. Ma qual è la storia di Lehman Brothers? E come si arrivò a quel terribile 15 settembre del 2008, quando i vertici della società dichiararono l'adesione al Chapter 11? La storia completa, nel video-racconto del Sole 24 Ore, con i commenti di Stefano Rossi, Professor of Finance, Generali Chair in Insurance and Risk Management Università Bocconi e Morya Longo, IL SOLE 24 ORE.
PER SAPERNE DI PIÙ
A 10 anni dal crack Lehman politica in pressing sulle banche centrali
Dieci anni fa la bufera «subprime». Tre lezioni dalla «grande crisi»
Mutui subprime: come si reggeva il castello di carta e perché è crollato