Amos Genish non è più l'ad di Telecom Italia: sfiduciato con 10 voti a 5, nel corso in un cda straordinario di prima mattina. Le deleghe sono state assegnate ad interim al presidente Fulvio Conti fino alla scelta del nuovo ad, per la quale è stato convocato un nuovo cda il 18 novembre. Vivendi - primo azionista col 23,94% del capitale ordinario, ma relegato in minoranza nel board dal ribaltone promosso dal fondo attivista Elliott la scorsa primavera – ha però intenzione di chiamare un'assemblea al più presto per non lasciare la gestione di questa fase delicata all'antagonista americano. Lo stesso patron della media company transalpina, Vincent Bolloré, sarebbe sceso in campo determinato a risolvere in tempi rapidi la partita, che potrebbe avere riflessi anche su Mediaset. Il commento di Antonella Olivieri.